Cuneo: quell’angolo a occidente

Dopo Bolsena e il suo lago, tocca ad un altro angolo del Bel Paese, spesso dimenticato e che pochi ne conoscono la ricchezza: Cuneo

illuminataIncastonata tra la Liguria, il Monviso con le sue valli e le colline delle Langhe, Cuneo riesce a farsi amare in ogni stagione dell’anno. Dal 14 al 24 luglio si accende con “L’illuminata” con mille occasioni e eventi da vivere di giorno e di sera.

Due passi in una città a misura d’uomo.

Cuneo è la classica realtà  dove tutti i servizi funzionano: all’ufficio postale non farete coda, al supermercato non troverete code lunghe alle casse, individuerete un parcheggio con facilità e vi stupirete di aver dimenticato il portafoglio in bellavista in camper e di ritrovarlo nello stesso posto al vostro rientro. Cinquantamila abitanti che vivono a “misura d’uomo” in una città a forma di “cuneo”, stretta tra i due fiumi: la Stura di Demonte e il Gesso. Sceglietela come meta per un weekend o per un’intera settimana e scoprirete che nello stesso giorno, farete una nuotata al mare, una passeggiata in montagna e cenerete con prodotti di enogastronomia invidiati da tutto il mondo. Saprà conquistarVi con i suoi palazzi in stile Liberty, i larghi viali e le sue piazze. Senza dubbio l’urbanistica della città aiuta molto ad essere vissuta e visitata con un camper. Gran parte della vita commerciale si svolge nel corso principale: Corso Nizza che è diviso in due parti da Piazza Galimberti. Una parte pedonale e una aperta alla viabilità. cuneoPiazza Galimberti, grazie alla sua posizione centrale e alle sua grandezza (24.000 metri quadri pari a Piazza Plebiscito di Napoli) è considerata il salotto della città.  Intitolata all’eroe della Resistenza Duccio Galimberti, il martedi si anima del grande mercato, molto famoso a tal punto da essere invaso dai “cugini” francesi a causa dei prezzi di acquisto molto competitivi. La piazza, e gli edifici che vi si trovano, sono prevalentemente in stile neoclassico e da qui iniziate la vostra passeggiata nella parte pedonale. IMG_20160106_125134 1 1 1 1 1 1Rimarrete favorevolmente colpiti dall’ordine, dal decoro e dalla pulizia dei portici e dei palazzi. Camminerete avendo una vostra guida personale che è rappresentata dai numerosi cartelli esposti lungo i portici. IMG_20160106_125712 1 1 1Rimarrete incuriositi dalle strutture dei negozi che, sono ancora realizzate in legno, le vecchie farmacie piene di vasi decorati, le pasticcerie che strabordano di dolci tipici come i “cunesi al rhum”. IMG_20160106_125007 1 1 1 1 1Proseguite sino ad incontrare la Torre Civica a base quadrata dove dall’ultimo piano ammirerete un meraviglioso panorama che abbraccia i dolci rilievi delle Langhe sino alla vetta del Monte Rosa e la Cattedrale di Santa Maria del Bosco che per tutti è il Duomo.  Non abbiate paura a percorrere le vie laterali che sono un vera miniera di case d’epoca, corti e piccole botteghe.

Tornate verso Piazza Galimberti e proseguite nella parte aperta alla viabilità di Corso Nizza. IMG_20160106_125321 1 1 1 1 1Questa è la parte più commerciale della città, piena di negozi e di opportunità per lo shopping. Abbandonate il centro, prendete la bicicletta e spostatevi sul parallelo Viale degli Angeli. Da questo punto,  due sono le mete che potrete vivere. Innanzi tutto il parco che circonda Cuneo, con chilometri di pista ciclabile adatta a tutti i livelli e tipi di biciclette e che arriva sino alla cittadina di Fossano. Vivrete la tranquillità e la natura dei due fiumi. L’alternativa è percorrere, sempre in una pista ciclabile ben curata e mantenuta, tutto il Viale degli Angeli sino a raggiungere il Santuario della Madonna degli Angeli. Questo è un antico edificio di culto cattolico, sorto nel Quattrocento, inizialmente come una piccola cappella dedicata alla Madonna delle Grazie. cuneo3Successivamente, nel 1450, divenne un convento vero e proprio, il primo costruito e dedicato dai Francescani nel territorio piemontese e decorato con episodi della vita di San Francesco d’Assisi. Al suo interno si trovano le reliquie del beato Angelo Carletti da Chivasso e del Venerabile Benigno da Cuneo.

Dove sostare: diciamolo subito che la zona del cuneese è camper-friendly ovvero, aree di sosta attrezzate, gratuite e parcheggi ben mantenuti, sono distribuiti in tutto il territorio. IMG-20160313-WA0025 1Non solo ci sono centri commerciali come il Grandà nella località Madonna dell’Olmo alle porte di Cuneo, che prevedono indicazioni con parcheggi dedicati e l’outlet Mondovicino, di Mondovì con un area dedicata alla sosta anche notturna comprensiva di carico e scarico dell’acqua. IMG_20160517_132406 (1)Nel capoluogo sono a disposizione due parcheggi, un’area attrezzata e un campeggio comunale. I due parcheggi sono a ridosso del centro: uno vicino alla nuova Piscina Comunale (Via Porta Mondovì, 7) da cui si accede sia alla città e al pittoresco Viale degli Angeli con un ascensore panoramico, sia al vicino parco ciclabile ideale per grandi e piccini. L’altro nei pressi del Cimitero. L’area attrezzata con carico e scarico delle acque si trovao in Via Viglione nei pressi del Camping Comunale Bisalta. Quest’ultimo è aperto tutto l’anno, ha un costo molto competitivo ed è dotato di ristorante, bar e un piccolo market per le prime necessità. Nei mesi più caldi inoltre è ad disposizione anche una piscina molto ampia. La particolarità che lo contraddistingue è la cortesia del personale oltre alla pulizia e l’ordine presente ai servizi comuni.

2 pensieri riguardo “Cuneo: quell’angolo a occidente”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *