Formula “camper stop”: itinerante e conveniente

Si chiamano “camper stop” e sono piazzole in camping, dedicate a camperisti itineranti. Un vantaggio economico per soste brevi.

Spesso chi decide di vivere una vacanza in camper, lo fa con l’obiettivo di vivere il territorio e non il campeggio in cui è ospite. Per venire incontro a queste esigenze, alcuni campeggi da me visitati offrono la formula “camper stop“. Si tratta di essere sempre ospiti del campeggio, quindi sicuri all’interno della struttura, usufruirne i servizi per non più di 72 ore, in piazzole che non saranno il massimo come panorama, ma dal punto di vista logistico sono comodissime per entrare e uscire dal campeggio.

1. Villaggio Italgest Magione (Pg) Lago di Trasimeno: Aprile, Maggio, Giugno e Settembre (bassa e media stagione): 19 € a notte. Luglio ed Agosto (alta stagione): 32€ a notte. Limite massimo di 2 notti; ingresso a partire dalle ore 08:30 fino massimo le ore 22:00 e partenza: entro le ore 12:00

2. Camping Piomboni Marina di Ravenna: Valida nei periodi di bassa e media stagione, prevedere l’arrivao venerdi mattina e la partenza domenica sera. Si pagano soltanto due notti e non tre. Se si arriva il sabato mattina e si parte la domenica sera, si paga una sola notte

3. Camping Riviera a Toscolano Maderno (Br) Lago di Garda, prevede la possibilità per 4 persone di sostare (arrivo h.7 partenza entro le 22) con 25 euro. Nella tariffa sono compresi, energia elettrica, piscina con lettini e spiaggia lago direttamente fronte campeggio. Inoltre i cani non hanno un costo aggiuntivo

4. Camping Village Tahiti Lido delle Nazioni – Comacchio (FE): si tratta di uno dei villaggi più belli presenti sul territorio italiano. L’offerta è dedicata al weekend e parte da 35 euro. Comprende la piazzola di tipo “A” o di tipo “B”, 2 persone, allaccio corrente, camper service, 1 ingresso ai Giardini del Benessere e se si prenota l’offerta, il secondo ingresso è in omaggio.

5. Camping Fano (Pu): dedicata non solo al weekend, ma anche a soggiorni per un massimo di due notti, durante al settimana. Con 15 euro si ha la piazzola attrezzata e le persone.

6. Camping Village Florenz Lido degli Scacchi – Comacchio (FE) : si tratta di una tariffa per due notti, di 21 euro in cui sono comprese tre persone, piazzola tipo C, corrente elettrica, docce calde, camper service e Wi-Fi.

7. Orbetello Camping Village Albinia, Orbetello (Gr): nel periodo dal 13.04 al 17.06 e dal 02.09 al 24.09, l’offerta “camper stop” prevede, 2 persone + caravan + corrente elettrica + ingresso parco acquatico dal 15.05 + cane, in tutto a € 19,00 a notte.

VillaggiodellaSalutePiù: prendersi cura a 360 gradi di se stessi

Se le vostre vacanze, brevi o lunghe che siano, desiderate viverle in pieno relax, vi consiglio il Villaggio della Salute Più (Bo).

Leggi tutto “VillaggiodellaSalutePiù: prendersi cura a 360 gradi di se stessi”

Ikea camper-friendly: 5 articoli adatti per il camper

Partendo dal principio che il camper, la caravan, la tenda o il carrello-tenda per molti sono la “casa” delle vacanze, ho trovato 5 articoli sotto i 10 euro, in vendita all’Ikea, perfetti per le nostre dimore.

Leggi tutto “Ikea camper-friendly: 5 articoli adatti per il camper”

Caccia al tesoro al Salone del Camper

img-20160917-wa0043Al Salone del Camper, capita anche di vedere un sacco di persone appoggiate sui wc. Non ci credete? Per forza non avete partecipato alla “Grande Caccia al Tesoro” di Thetford che come ogni anno dal 2013 riunisce squadre di partecipanti tra i visitatori del Salone del Camper di Parma.

Si è appena svolta e prevedeva la soluzione di indovinelli, la ricerca di indizi in giro tra i padiglioni della Fiera, quiz sui prodotti Thetford e sul mondo del caravanning. img-20160917-wa0042Nella compilazione della classifica finalnno avuto peso il numero di missioni compiute dalle squadre, i punteggi ottenuti nei vari giochi e il tempo di riconsegna delle schede. Proprio durate la premiazione sono passato dallo stand molto affollato e per la prima volta i wc e le cucine hanno sdoganato quell’immagine di “privacy” che si da abitualmente.

Non c’è che dire: anche quest’anno la caccia al tesoro ha avuto successo

Beyfin: la strana coppia

Quante volte abbiamo pensato che una bombola di gas sia pericolosa, pesi troppo e non sempre ricordiamo che sta per esaurire oppure non conosciamo la quantità residua? E  ancora, per scaldarci normalmente c’è la stufa  e per cucinare il fornello. Ecco, in fiera ho notato una “strana coppia”: una bombola con un’appendice che diventa stufa o fornello in un semplice movimento.

Procediamo per passi. Entrambi sono commercializzati dalla Beyfin, azienda italiana specializzata nella commercializzazione dei combustibili e gas. Con la bombola di Beyfin tutti i tradizionali problemi non sussistono, perchè in luogo del ferro c’è un materiale composito e la vetroresina.alim1131 Si avete capito bene, vetroresina e materiale composito, che tradotto vuol dire 14 kg di peso contro i 22 del ferro, maggiore resistenza agli urti, alla pressione e la possibilità di vedere il quantitativo di gas residuo.Le fibre che compongono la bombola, capaci di sostenere una pressione interna 30 volte superiore a quella esercitata internamente dal propano, la rendono più resistente agli urti e capace di prevenire la degradazione nel tempo a causa dei fattori climatici. Bbox, questo è il nome della bombola, non arrugginisce né si deteriora, il che significa che non lascerà macchiata la superficie d’appoggio. Numerosi sono stati i test eseguiti da laboratori indipendenti e da organismi ministeriali e tutti hanno dimostrato che, se attaccato dal fuoco, il contenitore reagisce con una combustione controllata escludendo il rischio di esplosione. Gli utilizzi di questo contenitore sono gli stessi della bombola in acciaio: edilizia, nautica, campeggio, banchetti e ricevimenti sono solo alcuni esempio. I vantaggi non trascurabili di leggerezza, trasparenza,resistenza e sicurezza sono tangibili a chiunque si fermi nello stand. Qui, accanto alla bombola,

img_20160916_1635221ho notato una strana “coppia”: stufa e fornello in un unica soluzione. Si chiama dualB una prolunga posizionata sopra la bombola che ha due braccetti laterali reclinabili che permettono di avere stufa e fornello con pochi semplici gesti. In pratica poi la prima stufa che diventa fornello.

In fiera la promozione è pari a 139 euro con un omaggio di una bombola da 5 kg. Per acquistare la bombola o il dualB, basta consultare il sito oppure compilare il modulo e scoprire il rivenditore più vicino.

Qui, Quo e Qua in tenda

Uno dei motivi per cui amo la vacanza in campeggio a differenza di altre soluzioni, è la capacità di socializzare come di isolarsi. Questa mattina ho aperto la porta del camper e di fronte c’erano tre identiche piccole tende. Mi sono venuti subito in mente i tre porcellini, i tre moschettieri…Qui Quo e Qua, ma non vedevo la 313 di Paperino. Così a fine giornata ho visto due ragazze che giocavano a carte, mi sono avvicinato e ho chiesto di fotografare le tre tende. Erano troppo buffe messe in fila tutte e uguali.IMG_20160817_231902

Non c’è voluto molto per iniziare a conoscersi. E’ così che succede in campeggio: un saluto, un sorriso, uno scambio di cortesia e la natura vera dell’uomo emerge. Quella che ti permette di essere ancora fiducioso verso il genere umano.

Scopro che sono 3 ragazze e 3 ragazzi partiti da Piacenza con una barca e navigando il Po sono arrivati sino al Delta del Po, approdando al Porto Barricata e quindi al Villaggio Barricata.

IMG_20160817_193233Si  avete letto bene, 6 ragazzi, con 3 tende, materassini, coperte e tanta voglia di vacanza. Altro che last-minute, alberghi cinque stelle, aerei e posti “esotici”. Altro che “non so dove andare in vacanza perchè ho pochi soldi”. Nulla di tutto ciò, ma solo l’amicizia che li unisce, il loro capitano condottiero e una piccola barca. Talmente piccola che non ci stanno neppure un paio di bici pieghevoli. Ma in fondo loro non hanno bisogno di altro che un mazzo di carte per divertirsi.

Navigano il più lungo fiume del nostro Bel Paese, osservando i cartelli, le secche e affrontando anche qualche imprevisto. Fanno due tappe tra cui Ferrara prima di arrivare al Delta del Po per poi ripercorrere il fiume passando dalla parte di Goro e risalendo sino a Piacenza.  Questo è puro spirito di avventura!