Area di sosta Il Noceto: punto strategico per la Sicilia

Se la vostra meta è la Sicilia, oppure state rientrando dalla stessa per proseguire lungo lo stivale, c’è un area di sosta che è un ottimo punto strategico, per fermarsi. Si tratta dell’area di sosta “Il Noceto” a Gioia Tauro.

Leggi tutto “Area di sosta Il Noceto: punto strategico per la Sicilia”

Ottobre a Desenzano e Sirmione

Desenzano e Sirmione, affacciate sulla sponda lombarda del Lago di Garda, sono due località che per posizione logistica, per ricchezza di paesaggi o perchè diciamolo sono ben organizzate dal punto di vista turistico, riescono ad essere apprezzate tutto l’anno.

Leggi tutto “Ottobre a Desenzano e Sirmione”

Caccia al tesoro al Salone del Camper

img-20160917-wa0043Al Salone del Camper, capita anche di vedere un sacco di persone appoggiate sui wc. Non ci credete? Per forza non avete partecipato alla “Grande Caccia al Tesoro” di Thetford che come ogni anno dal 2013 riunisce squadre di partecipanti tra i visitatori del Salone del Camper di Parma.

Si è appena svolta e prevedeva la soluzione di indovinelli, la ricerca di indizi in giro tra i padiglioni della Fiera, quiz sui prodotti Thetford e sul mondo del caravanning. img-20160917-wa0042Nella compilazione della classifica finalnno avuto peso il numero di missioni compiute dalle squadre, i punteggi ottenuti nei vari giochi e il tempo di riconsegna delle schede. Proprio durate la premiazione sono passato dallo stand molto affollato e per la prima volta i wc e le cucine hanno sdoganato quell’immagine di “privacy” che si da abitualmente.

Non c’è che dire: anche quest’anno la caccia al tesoro ha avuto successo

Beyfin: la strana coppia

Quante volte abbiamo pensato che una bombola di gas sia pericolosa, pesi troppo e non sempre ricordiamo che sta per esaurire oppure non conosciamo la quantità residua? E  ancora, per scaldarci normalmente c’è la stufa  e per cucinare il fornello. Ecco, in fiera ho notato una “strana coppia”: una bombola con un’appendice che diventa stufa o fornello in un semplice movimento.

Procediamo per passi. Entrambi sono commercializzati dalla Beyfin, azienda italiana specializzata nella commercializzazione dei combustibili e gas. Con la bombola di Beyfin tutti i tradizionali problemi non sussistono, perchè in luogo del ferro c’è un materiale composito e la vetroresina.alim1131 Si avete capito bene, vetroresina e materiale composito, che tradotto vuol dire 14 kg di peso contro i 22 del ferro, maggiore resistenza agli urti, alla pressione e la possibilità di vedere il quantitativo di gas residuo.Le fibre che compongono la bombola, capaci di sostenere una pressione interna 30 volte superiore a quella esercitata internamente dal propano, la rendono più resistente agli urti e capace di prevenire la degradazione nel tempo a causa dei fattori climatici. Bbox, questo è il nome della bombola, non arrugginisce né si deteriora, il che significa che non lascerà macchiata la superficie d’appoggio. Numerosi sono stati i test eseguiti da laboratori indipendenti e da organismi ministeriali e tutti hanno dimostrato che, se attaccato dal fuoco, il contenitore reagisce con una combustione controllata escludendo il rischio di esplosione. Gli utilizzi di questo contenitore sono gli stessi della bombola in acciaio: edilizia, nautica, campeggio, banchetti e ricevimenti sono solo alcuni esempio. I vantaggi non trascurabili di leggerezza, trasparenza,resistenza e sicurezza sono tangibili a chiunque si fermi nello stand. Qui, accanto alla bombola,

img_20160916_1635221ho notato una strana “coppia”: stufa e fornello in un unica soluzione. Si chiama dualB una prolunga posizionata sopra la bombola che ha due braccetti laterali reclinabili che permettono di avere stufa e fornello con pochi semplici gesti. In pratica poi la prima stufa che diventa fornello.

In fiera la promozione è pari a 139 euro con un omaggio di una bombola da 5 kg. Per acquistare la bombola o il dualB, basta consultare il sito oppure compilare il modulo e scoprire il rivenditore più vicino.

Rispettare sua maestà, la “montagna”

Vivere una vacanza in montagna in Alto Adige, come nell’Appennino Tosco-Emiliano, ha un fascino particolare sia d’inverno che d’estate.

Con l’arrivo della bella stagione e del caldo afoso nelle città, spesso si cerca un po’ di refrigerio in mezzo ai monti. L’aria pulita e rarefatta, il silenzio dei meravigliosi boschi e le distese dei verdi prati, fanno spalancare gli occhi meravigliati sia di noi adulti che dei piccoli.
Nelle prossime righe, non vi diremo dove fermarvi a mangiare o cosa vedere, ma quali regole occorre rispettare in montagna per non correre rischi inutili e per salvaguardare la bellezza dei posti e la sicurezza della vostra famiglia.dolomiti2
Innanzi tutto per chi vuole avventurarsi in escursioni e passeggiate, deve preparare in anticipo l’itinerario, consultando cartine e guide turistiche o magari chiedendo qualche consiglio al Camping su percorsi e sentieri. Inoltre occorre essere ben equipaggiati, con calzature specifiche per la montagna e vestiario adeguato ad ogni tempo. Ricordate che bastano poche ore in montagna per passare dal sole alle nuvole, pioggia e freddo! È quindi, sempre utile prima di partire, informarsi sulle condizioni meteo e vestirsi a “cipolla”, in modo da essere pronti a qualsiasi temperatura e di portare sempre una giacca impermeabile e un cappellino.
Scegliete itinerari adatti a voi e ai vostri piccoli! A volte i percorsi più facili sono i più belli in quanto si riesce a godere appieno delle meraviglie della natura e delle montagna. Quelli troppo impegnativi o lunghi rischiano di trasformarsi in una fatica immane o peggio in qualcosa di pericoloso.dolomiti
Così come altrettanto pericolosa è una disattenzione (ad esempio un mozzicone acceso gettato a terra) che può provocare seri danni all’ambiente: il fuoco va acceso, solo nelle aree attrezzate così come il campeggio che se fatto in modo selvaggio, crea disturbo alla fauna selvatica e rovini i pascoli.
Una nota particolare per chi possiede cani. Alcuni Parchi Nazionali, vietano l’ingresso perché il cane per quanto tranquillo potrebbe sfuggire al controllo rincorrendo un animale selvatico. Ci sono percorsi ben delineati per gli amici a “4 zampe”.
Durante l’escursione seguite attentamente le indicazioni e la segnaletica del vostro itinerario insieme ai vostri bambini, anche per loro può essere un bel gioco per imparare ad orientarsi e a seguire i sentieri segnalati.
A tal proposito tra i più comuni segnali ci sono:

montagna

Oltre alla pioggia e al freddo anche il sole può essere molto forte in montagna, sia l’estate che l’inverno, quindi creme e protezioni solari per evitare spiacevoli e fastidiose scottature.
Ultima cosa ma importantissima: insegnate ai vostri bambini il rispetto e l’amore per la natura, dando voi in primis il buon esempio! Niente carte per terra, non si raccolgono fiori o piante, non si disturbano o si fanno dispetti agli animali! Fate capire ai vostri bambini che la bellezza dei luoghi che stanno visitando dipende anche da loro.
Dopo un pic-nic non abbandonate rifiuti e non nascondeteli sotto un sasso: i tovagliolini di carta, che sono biodegradabili, in montagna impiegano quasi un anno per distruggersi. Per non parlare dei sacchetti di plastica, praticamente indistruttibili.appennino Alcuni rifiuti sono anche pericolosi per gli animali in quanto taglienti (vetri, scatolette aperte, …); altri, come lattine e bottiglie, si trasformano in trappole mortali per insetti e piccoli roditori.
Stesso comportamento con i fiori, che nella maggior parte delle specie si trovano in montagna, nei boschi, sui dirupi, fra le rocce, in zone spesso fredde e senza sole. Con le dovute eccezioni delle leggi regionali, generalmente tale flora non si può raccogliere. Gli anemoni, la campanula, il mughetto, il bucaneve, la genziana, la rosa di Natale, la stella alpina, il campanellino, le orchidee, le peonie, le primule, i rododendri, i pungitopo, la violetta sono solo alcuni degli esempi da lasciare nel loro mondo.

Scoprire il Bosco e il suo mondo

Dal 29 Aprile al 1 Maggio per tutti gli amanti della fotografia naturalistica, dell’osservazione dell’avifauna, del turismo lento e in natura, si svolgerà presso il Villaggio espositivo Argine Fattibello, la VIII edizione della Fiera Internazionale del Birdwatching e del Turismo Naturalistico.  Leggi tutto “Scoprire il Bosco e il suo mondo”