Villaggio della SalutePiù: GESUNDHEITS-VILLAGE

GESUNDHEITS-VILLAGE: Wenn Sie während Ihrer langen oder kurzen Ferien, die Tage im kompletten Relax oder imKontakt mit der Natur verbringen moechten, indem Sie auch gesunde Sport treiben, empfehle ich Ihnen den  Villaggio della Salute Più, einen Camping Platz, der auch fuer Camper und Wohnwagen sehr gut eingerichtet ist. Dieser Camping Platz befindet sich auf den Imola’s Huegeln, 15 km von der Autobahnausfahrt von Castel San Pietro Terme (BOLOGNA) entfernt und er ist das ganze Jahr geoeffnet. Die Einzelheit ist sicher die Position neben den Termen.  Deswegen sind es mehrere die Aktivitaeten, die man waehrend der Sommerzeit machen kann. Das auch, weil von hier beginnen die vielen Gehwege, die man zu Fuss oder mit dem Fahrrad folgen kann. In der Naehe befindet sich auch ein mit dem Kanu schiffbarer See.   Der Preis fuer den Stellplatz ist zusammen mit der Eintrittskarte zu dem Termenpark verbunden, wo man im Sommer einen ganzen Huegel von Freibaeden und Heilwegen im Gruenen zur Verfuegung hat. Im Winter ist das Spa-Zentrum, das durch einen kurzen Spaziergang erreichbar ist, der ideale Ort um sich zu entspannen und zu erholen. Die Stärke dieser Eigenschaft ist sicher die Vollständigkeit der Behandlung und Pflege, die zum Schutz der Gesundheit abzielen.
Sie können zwischen einer einfachen Massage oder Spa-Behandlung, einem medizinisch-Rehabilitationsprogramm, durch die Inhalationskuren und Thermalbäder in Innen und Aussen Swimmingpools, wählen.
Die Pools sind von der Quelle des Drachen, eines kleinen aktiven Vulkan-Tal Sillaro etwa fünf Kilometer entfernt, zugeführt. Im Thermal-Center finden Sie ein Restaurant, in dem Sie Bio-Gerichte mit Zutaten 0 km geniessen koennen, ein Geschäft mit Produkten, die mit Thermalwasser hergestellt werden, wie zum Beispiel  das kostbare Bier und kosmetische Produkte, die ideal für jede Altersgruppe sind,  probieren können. Es gibt zahlreiche Angebote das ganze Jahr, umdiesen Ort der Wellness und Unterhaltung kennenzulernen.
Die Gegend bietet alle Komfort für Camper: Be- und Entladen des Wassers in einem Gebiet, weit weg von den Plätzen, um unangenehme Gerüche zu vermeiden, Säulen mit elektrischen Anschlüssen, Grillplatz und Toilette mit heißem Wasser. Ausserdem, diejenigen, die mit eigenen Zelt oder Wohnwagen bleiben wollen, kann ich versichern, dass das Gelände flach ist und Tische und Stühlezur Verfuegung stehen, um komfortable Mittagessen zu verbringen.
Ein großartiger Ort, um anzuhalten und um Körper und Geistzu regenerieren.

Al cospetto di un Nobile

Durante lo scorso Salone del Camper passeggiando nel padiglione dedicato ai villaggi e campeggi, fui catturato dalle numerose foto di paesaggi che dipingevano il Nevegal. Così mi avvicinai allo stand del Park Camping Nevegal e volli conoscere meglio la struttura.  Il titolare e fondatore, il conte Damiano Miari Fulcis, mi concesse un’intervista. Ne è nata così una chiacchierata, dove traspare l’amore per la propria terra e la precisa idea di cosa un campeggiatore voglia trovare in un campeggio.
Innanzi tutto, occorre tenere presente che davanti a me avevo sempre un nobile e quindi un po’ di disagio addosso lo vivevo. E invece è bastato che chiedessi “Conte, mi racconti perché dovrei essere suo ospite al Nevegal” è fu come ascoltare un amico di famiglia,  piuttosto che al cospetto di un nobile. “…Le spiego, Cristiano. Prima del Campeggio, nacque l’Albergo Nevegal che si trova adiacente e non abbiamo fatto altro che trasportare la cura per il servizio anche in un campeggio. Il Nevegal si trova in un posto bellissimo sia in estate sia in inverno, perché è a quota 1000 metri sul livello del mare, quindi nel periodo estivo non si soffre il caldo, mentre nel periodo invernale ci sono le piste da sci che si possono raggiungere comodamente. Pensi più di 40 chilometri di piste innevate servite da diversi di impianti, una delle quali illuminata artificialmente per lo sci in notturna, due anelli per lo sci di fondo, percorsi per la ciaspole, uno snow-park e quattro campi scuola. In più un pista da pattinaggio del ghiaccio all’interno del campeggio” In effetti a pensarci bene il campeggio Nevegal è posizionato in modo strategico perché dista circa 10 km da Belluno e nel raggio di 45/50 minuti si raggiungono località come Cortina d’Ampezzo, la Marmolada o Venezia. Guardo le foto e vedo tantissimo verde e come mi spiega il titolare “…Si immagini che il campeggio, è in un bosco e parco di 250.000 mq. totalmente a disposizione degli ospiti e nella pineta che si raggiunge comodamente a piedi, ci sono aree attrezzate per un pic-nic. Abbiamo pensato che tutti i nostri ospiti debbano trovare un motivo per stare bene e pensare di ritornare al Nevegal. Le faccio alcuni esempi: la colonnina elettrica delle piazzole eroga corrente elettrica senza limiti di consumo. Abbiamo un’area verde dedicata solo per le tende, l’acqua calda gratuita in ogni punto e ancora caminetti e barbecue a disposizione degli ospiti. Senza dimenticare che per i più piccoli oltre al parco giochi, a pochi passi dal Campeggio, si trova un circuito che permette la divertente discesa con ciambelloni colorati sulle stuoie in plastica d’estate e, d’inverno diventa un gioco dopo sci. A questo punto gli chiedo se ha pensato a qualcosa dedicato ai camperisti e alle esigenze di sosta, legate a chi possiede un camper. La risposta anche in questo caso è arrivata positiva: “Abbiamo attrezzato un’area apposita per ospitare soggiorni, raduni e ritrovi di camperisti in tutte le stagioni dell’anno, con oltre 50 piazzole a disposizione, corrente elettrica, servizi adiacenti, camper-service e sale riservate presso l’albergo adiacente. Lasciai il Conte con una promessa “verrò a trovarla di persona!” e poiché per me “ogni promessa è debito”, il prossimo weekend sarò proprio a Campeggio Nevegal e vi racconterò la mia esperienza.

Street food a Mariano Comense

Amate lo Street food, ovvero l’arte di mangiare il cibo tipico di strada, le specialità locali di un determinato luogo?Allora segnatevi questa data: 8 e 9 ottobre a Mariano Comense (Co), si svolgerà HOP HOP STREET FOOD.

Leggi tutto “Street food a Mariano Comense”

La Castagna: regina dell’autunno

Ci sono alimenti che appena vengono nominati è inevitabile che li abbiniamo ad una stagione.  Se dico pesca o albicocca si pensa subito all’estate, ma se dico castagna il pensiero corre all’autunno e all’odore del fuoco del camino. E’ la castagna il ponte che ci trasporta dall’estate all’autunno e nel mese di ottobre viene festeggiata in moltissimi comuni. Nelle prossime righe trovate date, località e luoghi dove sostare con il camper

arcidosso-caastagna8-9 ottobre Festa della castagna 2016 a Monticello Amiata (Gr)

14-16 ottobre La Castagna in Festa a Arcidosso (Gr)

La castagna del Monte Amiata ha ottenuto tutela con l’indicazione geografica protetta. La zona di produzione comprende l’intera circoscrizione comunale dei comuni di Arcidosso, Castel del Piano, Santa Fiora e Seggiano e parte dei comuni di Cinigiano e Roccalbegna.

Io vi segnalo due occasioni per assaggiarla e viverla attraverso la rievocazione delle tradizioni e dei comportamenti popolari che circondavano la raccolta del prodotto e il suo utilizzo nell’alimentazione.
Si tratta di tre giorni di appuntamenti enogastronomici, mostre, cantine, mercatino dell’artigianato e dei produttori locali, musica, spettacoli teatrali, laboratori didattici e di educazione ambientale per bambini, cena a base di castagne e tante teglie di caldarroste.

Dove sostare: a circa 10 km si trova la località Arcidosso dove si può sostare in due punti: Località Podere dei Nobili (tel 0564-966083) Ampio parcheggio carico e scarico acqua e corrente elettrica. Questo parcheggio è ancheutile anche per visitare il Parco Faunistico del Monte Amiata. Sempre a Arcidosso in Via Firenze vi è un secondo parcheggio dotato di carico e scarico acqua e allaccio elettrico

castagna7-9 Ottobre Sagra della castagna 2016, Frabosa Soprana (Cn)
In realtà più che una sagra si tratto di un Galà della Castagna d’Oroche inizia venerdì 7 ottobre 2016 e termina domenica 9 ottobre 2016. Si festeggerà l’arrivo dell’autunno programmando cena di gala, stand gastronomici, show e premiazioni alla presenza di importanti personaggi del mondo dello sport.

Dove sostare: a Frabosa Sottana in loc. Prato Nevoso SP 237 c’è un’area attrezzata di carico e scarico, allaccio elettrico e con ingresso sorvegliato.  A 6km di distanza in Via Valle Ellero è gratuita, presso Roccaforte Mondovì si trova la seconda area attrezzata con carico, scarico, allaccio elettrico e servizi bus per il paese.

Da sabato 8 ottobre a martedi 1 novembre e si svolge a Vallerano (Roma) la Sagra della Castagna.  Qui dal 2009 la castagna valleranese è D.O.P. e avrete 23 giorni per vivere manifestazioni culturali, giochi popolari, bande folcloristiche e tanta allegria in compagnia della “castagna” che verrà distribuita come “caldarrosta”. Potrete partecipare a visite guidate a siti famosi del patrimonio naturalistico, storico, artistico, archeologico, con manifestazioni culturali, musicali, folcloristiche, con mercatini dell’artigianato.

castagna114-16 ottobre Fiera del marrone 2016 a Cuneo

Rappresenta uno degli appuntamenti di maggior spicco per le produzioni di castagne tipiche del territorio piemontese e può vantare riconoscimenti internazionali di sicuro prestigio. Grande rilievo, come ormai è tradizione, l’aspetto gastronomico legato all’evento. Oltre ai “mundaj” offerti dai castagnari e alle prelibatezze di pasticceria da assaporare nell’Officina del dolce, i visitatori potranno degustare nell’elegante salone di S. Giovanni le cene a tema, che spazieranno dai prodotti tipici di valle fino agli accostamenti più arditi tra le tradizioni culinarie dei territori limitrofi.

 

Per maggiori informazioni: Ufficio Turistico
Via Roma, 28 – 12100 Cuneo
Tel./fax +39.0171.693258
turismoacuneo@comune.cuneo.it e info@marrone.net

Dove sostare: potete clikkare qui e trovare tutte le informazioni.

Festa della castagna 2016, Riofreddo
Inizia domenica 30 ottobre 2016 e termina domenica 30 ottobre 2016

La Festa della Castagna di Riofreddo richiama ormai tantissime persone. Il contesto gioioso e l’aria di festa restano comunque nella memoria di tutti i visitatori che anno dopo anni continuano a rispettare un appuntamento cosi importante.

30 ottobre Festa della Castagna di Riofreddo
castagna3La Festa fonda le sue origini nella tradizione dell’antica “Rostera” che si svolgeva all’interno del bosco “Le Pacetta” e che dal 1983 è stata trasferita in Piazza dall’Associazione Pro Loco. Si tratta di un evento ultra centenario in quanto in epoche passate veniva festeggiata proprio il 1 novembre quando era consuetudine di rendere libera la raccolta delle castagne nei terreni privati perchè secondo la tradizione in questo modo non veniva sprecato alcun frutto che quando il proprietario non desiderava raccoglierlo. Nel corso degli anni questa consuetudine si è allargata fino a diventare una Passeggiata Gastronomica nel Borgo Antico di Riofreddo.

Dove sostare: a soli 8 km in località Licenza, c’è l’area camper all’interno della struttura Green Village attrezzata con, servizi igienici, carico e scarico delle acque e allaccio elettrico

 

Rispettare sua maestà, la “montagna”

Vivere una vacanza in montagna in Alto Adige, come nell’Appennino Tosco-Emiliano, ha un fascino particolare sia d’inverno che d’estate.

Con l’arrivo della bella stagione e del caldo afoso nelle città, spesso si cerca un po’ di refrigerio in mezzo ai monti. L’aria pulita e rarefatta, il silenzio dei meravigliosi boschi e le distese dei verdi prati, fanno spalancare gli occhi meravigliati sia di noi adulti che dei piccoli.
Nelle prossime righe, non vi diremo dove fermarvi a mangiare o cosa vedere, ma quali regole occorre rispettare in montagna per non correre rischi inutili e per salvaguardare la bellezza dei posti e la sicurezza della vostra famiglia.dolomiti2
Innanzi tutto per chi vuole avventurarsi in escursioni e passeggiate, deve preparare in anticipo l’itinerario, consultando cartine e guide turistiche o magari chiedendo qualche consiglio al Camping su percorsi e sentieri. Inoltre occorre essere ben equipaggiati, con calzature specifiche per la montagna e vestiario adeguato ad ogni tempo. Ricordate che bastano poche ore in montagna per passare dal sole alle nuvole, pioggia e freddo! È quindi, sempre utile prima di partire, informarsi sulle condizioni meteo e vestirsi a “cipolla”, in modo da essere pronti a qualsiasi temperatura e di portare sempre una giacca impermeabile e un cappellino.
Scegliete itinerari adatti a voi e ai vostri piccoli! A volte i percorsi più facili sono i più belli in quanto si riesce a godere appieno delle meraviglie della natura e delle montagna. Quelli troppo impegnativi o lunghi rischiano di trasformarsi in una fatica immane o peggio in qualcosa di pericoloso.dolomiti
Così come altrettanto pericolosa è una disattenzione (ad esempio un mozzicone acceso gettato a terra) che può provocare seri danni all’ambiente: il fuoco va acceso, solo nelle aree attrezzate così come il campeggio che se fatto in modo selvaggio, crea disturbo alla fauna selvatica e rovini i pascoli.
Una nota particolare per chi possiede cani. Alcuni Parchi Nazionali, vietano l’ingresso perché il cane per quanto tranquillo potrebbe sfuggire al controllo rincorrendo un animale selvatico. Ci sono percorsi ben delineati per gli amici a “4 zampe”.
Durante l’escursione seguite attentamente le indicazioni e la segnaletica del vostro itinerario insieme ai vostri bambini, anche per loro può essere un bel gioco per imparare ad orientarsi e a seguire i sentieri segnalati.
A tal proposito tra i più comuni segnali ci sono:

montagna

Oltre alla pioggia e al freddo anche il sole può essere molto forte in montagna, sia l’estate che l’inverno, quindi creme e protezioni solari per evitare spiacevoli e fastidiose scottature.
Ultima cosa ma importantissima: insegnate ai vostri bambini il rispetto e l’amore per la natura, dando voi in primis il buon esempio! Niente carte per terra, non si raccolgono fiori o piante, non si disturbano o si fanno dispetti agli animali! Fate capire ai vostri bambini che la bellezza dei luoghi che stanno visitando dipende anche da loro.
Dopo un pic-nic non abbandonate rifiuti e non nascondeteli sotto un sasso: i tovagliolini di carta, che sono biodegradabili, in montagna impiegano quasi un anno per distruggersi. Per non parlare dei sacchetti di plastica, praticamente indistruttibili.appennino Alcuni rifiuti sono anche pericolosi per gli animali in quanto taglienti (vetri, scatolette aperte, …); altri, come lattine e bottiglie, si trasformano in trappole mortali per insetti e piccoli roditori.
Stesso comportamento con i fiori, che nella maggior parte delle specie si trovano in montagna, nei boschi, sui dirupi, fra le rocce, in zone spesso fredde e senza sole. Con le dovute eccezioni delle leggi regionali, generalmente tale flora non si può raccogliere. Gli anemoni, la campanula, il mughetto, il bucaneve, la genziana, la rosa di Natale, la stella alpina, il campanellino, le orchidee, le peonie, le primule, i rododendri, i pungitopo, la violetta sono solo alcuni degli esempi da lasciare nel loro mondo.

Provate a chiamarla ancora Area di Sosta

Sarà perchè è adiacente al Villaggio Dolomiti e quindi si possono usare (pagando ovviamente) i servizi del Camping, o perchè è davvero ben organizzata, sta di fatto che a Dimaro in Val di Sole, ho trovato e provato un’area di sosta camper dotata di tutti i confort.

Leggi tutto “Provate a chiamarla ancora Area di Sosta”