Il Conero in campeggio

faIl Parco Regionale del Conero, una meta per unisce escursioni a piedi con mare e spiaggia. Adatto a tutta la famiglia, scoprite con me i suoi angoli.

Quando cerco una meta che unisca il mare e la campagna, finisco per andare nelle Marche e scegliere il Conero, perché di fatto è l’unico promontorio a picco sul mare tra Trieste e il Gargano. Alto 572 metri, il Conero è circondato da verdi e fiorite colline, ricoperte di ulivi e vigne da cui si ricava un olio dal gusto gentile e il famoso Rosso Conero. Il promontorio ha al suo interno il Parco Regionale del Conero, un’area ambientalistica protetta istituita nel 1987 ed è la principale ragion per cui vi consiglio di sostare nei campeggi. Mettete perciò nel camper sia la bicicletta, sia un paio di scarpe comode e sia il costume da bagno, perché decidere di trascorrere una vacanza in un camping nel Conero, vuol dire unire percorsi escursionistici nel bosco, con giornate in riva al mare in una delle meravigliose spiagge.  Dalle due perle turistiche che sono Numana e Sirolo, partono, non solo 18 itinerari immersi nel verde e ideali per sfuggire alla calura estiva, ma anche le numerose spiagge: quella di sassolini bianchi di Portonovo,  quella fatta di sassolini neri denominata Sassi Neri, quella di scogli delle Due Sorelle, così chiamata i due scogli gemelli che emergono dal mare e quelle di San Michele e Urbani. Tutte si affacciano su un mare di colore blu intenso e pluripremiato da Legambiente. Le due località turistiche sono scrigni che contengono tesori storici e culturali. Sirolo è un caratteristico paesino medioevale, che sorge a picco sul mare e consiglio di fermarvi in piazzetta, quella che amo definire un salotto sul mare, incastonato a nord dal verde promontorio del Conero e a sud dalle scogliere del mare.  La vista è da mozzafiato! Numana, invece è un antico borgo di pescatori, la cui storia è documentata presso l’Antiquarium e nel Museo Nazionale di Ancona. Il borgo è diviso tra la parte alta e quella lungo la costa ricca di numerose botteghe e ristoranti dove degustare il famoso “brodetto”, una tipica specialità che conta fino a tredici qualità diverse di pesce. Per visitare il Conero in camper, o con la caravan o la tenda, in strutture organizzate, Vi suggerisco di guardare https://www.campeggi.com/italia/camping-marche/riviera-del-conero e individuare quello che vi possa piacere di più.

Foto credits: rivieradelconero.info

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *