Tre motivi per amare Gallipoli

Candidata a ricevere il riconoscimento dell’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità, Gallipoli, nota anche come la Perla dello Ionio dal nome del meraviglioso mare su cui protende, si sviluppa in due parti, il borgo, più moderno e il centro storico, delizioso e ricco di arte e cultura.

Leggi tutto “Tre motivi per amare Gallipoli”

Dieci regali per un Natale in camper

Tra meno di una settimana sarà Natale e sono certo che sotto l’albero non ci sono tutti i regali. Eppure Natale è sempre il 25 dicembre, però alla fine ci riduciamo sempre qualche giorno prima a ricorrere l’idea e l’acquisto più giusto. Vi vengo in aiuto con 10 regali, legati al mondo del camper.

 Iniziamo dai piccoli, con due offerte dal mondo dei mattoncini Lego: Furgone più Caravan e Motorhome.  La Caravan è completa all’interno con la zona notte, la dinette e la cucina. La motrice è un furgone, quindi siamo davanti ad una taglia XL. Il costo è di 20 euro
Il motorhome invece è una delle tre soluzioni che si possono realizzare. Le altre due soluzioni sono un piccolo yacht per il mare oppure la casa delle vacanze. Molto accessoriato con tanto di veranda esterna, gommone al traino, sedie e tavolo per esterni e tanti accessori per il tempo libero. Il costo è di 65 euro.

Nei miei viaggi, ho trovato spesso in veranda d’estate e nella dinette in inverno, campeggiatori che si dedicano alla lettura.

Così ho selezionato due letture che vi cattureranno. Il primo è un “L’ultimo canto di Mandy” in cui farete un salto nella memoria di Mandy Ecclestone, una cantante all’apice della sua carriera. Sarà un lungo flashback che vi porterà a scoprire gli aspetti lontani dalle sfavillanti luci degli show, che raccontano la dura vita che ha preceduto la grande fama. Sogni, amori, speranze. L’autore è Gianluca Doronzo, giornalista, scrittore, autore, regista e poeta barese chenel settembre 2013 ha fondato il magazine “Che spettacolo”.  E’ disponibile QUI a 13.90 euro.

La seconda lettura è di pura fantascenza “Verso le nebbie” di Lorenzo Zampieri. L’avevo conosciuto durante l’ultima Bookpride, fiera dell’editoria indipendente, dove alla domanda del perchè di questo titolo, la risposta fu: Verso le Nebbie è un viaggio che facciamo spesso tutti, perché dettati da un evento particolare o da un obbligo sopraggiunto. Una destinazione obbligatoria o meglio una partenza obbligata per una destinazione incerta. Personalmente mi tolse un paio di notti, perchè non smettevo di leggerlo; la voglia di arrivare alla pagina seguente era davvero forte. Potete acquistarlo QUI

Quattro suggerimenti ci arrivano dal mondo bio e della bellezza naturale, ma con la particolarità di utilizzare un prodotto realizzato e confezionato in otto monasteri italiani. Si chiama “Lo Speziale“, una bottega dove trovare dalla Gocce di miele del Monastero S. Benedetto Belbo al Talco alla rosa dell’Antica Farmacia S. Anna. Senza dimenticare i “rimedi” come Unguento degli avi (arnica) delle Benedettine di Orte o il Tonico per i muscoli dei Giardini Aromatici Wipptal.

Restando in tema di “mangiare sano”,  durante il mio ultimo viaggio in Puglia e Sicilia, ho conosciuto due aziende dove noi camperisti siamo benvenuti. Entrambe spediscono i prodotti a casa.

Si tratta dell’Oleificio Galantino di Bisceglie (BT), un frantoio dove l’olio viene lavorato ancora secondo antiche tradizioni e con prodotti di estrema qualità. Non ci credete? Allora andate a trovarli, visitate l’azienda e parcheggiate il camper nel parcheggio dello stabilimento. Sarete i benvenuti e scoprirete i mille volti dell’olio d’oliva.
Io vi suggerisco le tre confezioni i metallo (che vedete in foto) comode per il camper. La seconda azienda è una giovane realtà che sfrutta il proprio territorio per ottenere prodotti estremamente genuini. Ubicata a Castroreale, in provincia di Messina, Contrada Crizzina produce miele e marmellate e confetture. Lasciatevi conquistare dalla semplicità e dall’entusiasmo dei giovani proprietari e vi gusterete ogni mattina un pezzo di Sicilia,

L’ultimo regalo è dedicato alla cucina, che sia in camper o a casa, l’obiettivo è ottenere piatti più sani risparmiando sul consumo di energia. Si chiama Magic Cooker, un coperchio che può avere differenti misure, in acciaio in grado nelle fritture, di ridurre il 70% dei cattivi odori perchè l’olio non supera mai i 100 gradi e non diventa cancerogeno. Con questo coperchio la vostra pentola si trasformerà in forno. Si possono cucinare assieme cose diverse e non si mischiano sapori ed odori, tipo patatine e pesce e le patatine non sapranno di pesce. Questo risultato si ottiene grazie ai fori presente sul coperchio, che si chiamano fori venturi e che generano un continuo riciclo di aria e calore umido. Ultimo vantaggio è il risparmio di tempo, acqua e gas in quanto si sostituiscono forno, friggitrice , pentola a pressione, vaporiera, tostapane e grill. Potete trovare tutte le informazioni da Loredana Amorosa clikkando QUI 

Il kamasutra in Camper

Avete messo a letto i bambini? Siete sicuri di non avere avuto una giornata pesante? Allora, potete dedicare qualche minuto per leggere un breve “kamasutra in camper”. Dieci posizioni da condividere in camper, individuando quelle che sono ideali per il “mansardato”, per chi ha i sedili anteriori girevoli o il tavolo dinette a parete o ancora il letto posteriore centrale. Ovviamente leggete le prossime righe, con il sorriso che merita l’argomento.

Iniziamo da una evergreen adatta a qualsiasi camper: la Missionaria. Considerata una “classica”, ma adatta a tutte le occasioni, si può svolgere in ogni zona notte di qualsiasi camper. La donna è sdraiata con la schiena sul letto e con le gambe divaricate, mentre l’uomo è posizionato sopra.

Le prossime due posizioni (l’Amazzone e la Pecorina) per ovvie ragioni di postura sono adatte solo a chi possiede letti alla francese o letti centrali, posteriori con garage sottostante e altezza variabile.

La posizione dell’Amazzone si configura con l’uomo sdraiato di schiena e la donna siede a cavalcioni di fronte oppure di spalle. Questa posizione piace molto alle donne che desiderano avere un ruolo attivo nel rapporto. Infatti possono variare il ritmo, la profondità e l’angolo di penetrazione e raggiungere l’orgasmo con relativa facilità. L’ultima posizione per questi letti è “la pecorina”. Conosciuta e apprezzata, in questo caso la donna si mette a carponi sul letto e l’uomo le sta dietro controllando la penetrazione. Pur essendo indicata per la penetrazione vaginale, l’uomo si può aiutare con le mani per regalare alla donna anche una stimolazione clitoridea

Ora passiamo, a chi non possiede un letto fisso nel camper e quindi utilizza la dinette con tavolo ancorato a parete.
La prima è la posizione “la Mensola“, dove la donna deve distendersi di schiena sul tavolo e alzare le gambe in alto. L’uomo deve mettersi di fronte a lei in piedi, con le gambe leggermente piegate. La donna ha le braccia libere, mentre l’uomo prendendo i fianchi garantisce una presa più sicura e controllo della posizione. La seconda posizione viene definita “Bandoleer” in cui la donna è stesa sulla schiena con le gambe sollevate e le ginocchia unite contro il petto. L’uomo si inginocchia e la penetra. In questa posizione, il punto G viene stimolato in maniera più intensa.

Lassù in mansarda…spesso la mansarda è il letto riservato non ai piccoli, ma alla coppia. L’altezza ridotta e l’assenza di un pavimento comodo intorno al letto, non sono dei limiti, anzi possono essere ottimi motivi per prediligere le prossime posizioni.
“la Millefoglie” ad esempio, oltre ad essere un buonissimo dolce, è una posizione dove la donna si distende sull’uomo, divarica le gambe per facilitare la penetrazione e subito dopo le richiude in modo che i due corpi siano perfettamente sovrapposti. Comincia poi a stimolare il partner strofinando il proprio corpo contro quello del compagno lateralmente e in senso orizzontale. È una posizione molto intima che consente il massimo contatto fisico e accontenta le donne minute che di solito preferiscono stare sopra. “alla francese”, o come alcuni la definiscono “il cucchiaio”, è l’altra soluzione per la mansarda, dove l’uomo e la donna sono distesi sui fianchi. Le natiche di lei aderiscono al bacino di lui che la penetra delicatamente e la ricopre di baci e carezze. Questa posizione, particolarmente rilassante, è adatta anche alle donne incinte che non vogliono rinunciare al piacere del sesso nei primi cinque mesi di gravidanza. L’ultima posizione è “il 69” che insieme a “la Missionaria”, sono forse le più conosciute posizioni. Si tratta di sesso orale, quindi non di sesso in senso stretto, ma merita decisamente di essere menzionata. Spesso viene usata come preliminare, ma è ottima anche se fatta come unica posizione di un rapporto.

Infine con la diffusione delle dinette avanzate e lo sfruttamento della cabina con i sedili girevoli, anche questa zona del camper può essere ottima per due. La “sedia dell’amore”, ove lui è seduto sul sedile mentre lei, adagiata sulle sue gambe, si muove ritmicamente sollevandosi e risiedendosi. In questa posizione lui può stimolare il clitoride mentre lei si accarezza i seni. L’altra posizione viene chiamata “Lap Dance” in cui l’uomo seduto sul sedile fa salire la donna su di sé, guardandosi in volto. Questa posizioni permette di avere una buona intimità con la partner e ti permette di baciarla (o di baciarle il seno).

Ora non avete più scuse per dire “ho mal di testa” oppure “ho il capo che mi stressa”, sapete come e dove farlo anche in camper.

Credits: http://www.alfemminile.com/

Chi ha paura del “freddo”?

Alzi la mano chi non ha pensato, almeno una volta,  che una bombola di gas sia pericolosa e pesi troppo.

Oppure sia rimasto a secco perché non si è accorti di aver esaurito il gas o ancora per scaldarsi si usa una stufa, ma per cucinare un fornello. Ecco da oggi scordate tutto questo. La Beyfin, azienda italiana, presenta una bombola in vetroresina, con un’appendice che diventa stufa o fornello in un semplice movimento.

 Con la bombola di Beyfin tutti i tradizionali problemi non sussistono, perchè in luogo del ferro c’è un materiale composito e la vetroresina, che significa 14 kg di peso contro i 22 del ferro, una maggiore resistenza agli urti, alla pressione e la possibilità di vedere il quantitativo di gas residuo. Le fibre che compongono la bombola, capaci di sostenere una pressione interna 30 volte superiore a quella esercitata internamente dal propano, la rendono più resistente agli urti e capace di prevenire la degradazione nel tempo a causa dei fattori climatici. Insomma, Bbox, questo è il nome della bombola, non arrugginisce né si deteriora, il che significa che non lascerà macchiata la superficie d’appoggio. Numerosi sono stati i test eseguiti da laboratori indipendenti e da organismi ministeriali e tutti hanno dimostrato che, se attaccato dal fuoco, il contenitore reagisce con una combustione controllata escludendo il rischio di esplosione. Gli utilizzi di questo contenitore sono gli stessi della bombola in acciaio: edilizia, nautica, campeggio, banchetti e ricevimenti sono solo alcuni esempio. I vantaggi non trascurabili di leggerezza, trasparenza,resistenza e sicurezza sono tangibili a chiunque si fermi nello stand. Sopra la bombola è possibile installare il dualB una prolunga posizionata, che ha due braccetti laterali reclinabili e che permettono di avere stufa e fornello con pochi semplici gesti. In pratica poi la prima stufa che diventa fornello. Per acquistare la bombola o il dualB, basta consultare il SITO e trovare il rivenditore più comodo.

Area di sosta “Orto Pian del Bosco”: sentirsi a “casa”

Se decidete di visitare le Langhe, Alba, Saluzzo e Bra c’è un luogo dove vi sentirete a casa. Si tratta dell’agriturismo Orto Pian del Bosco

Leggi tutto “Area di sosta “Orto Pian del Bosco”: sentirsi a “casa””

Gioia Tauro: andare oltre i luoghi comuni.

La terza cittadina che vi suggerisco di conoscere, oltre i luoghi comuni legati alla malavita, è Gioia Tauro. Scoprirete un piccolo tesoro di storia che affonda le sue radici nella Magna Grecia e che arriva ai giorni nostri, consegnandoci un angolo del Bel Paese dove il mare assume lo stesso colore del cielo. Ad interessare questo lembo di costa che sorge nell’antica area di Metauros, furono per primi i  Calcidesi di Zancle nel VII secolo a.C.  ma i secoli seguenti divennero testimoni di parecchie  colonizzazioni e saccheggi da parte di diverse popolazioni. lungomare_-_1Il cuore medievale occupa uno scoglio roccioso denominato “Piano delle Fosse”  ove spiccano il Palazzo Municipale, il Palazzo Baldari (oggi biblioteca/mediateca e centro conferenze), il Palazzo della Principessa di Gerace (oggi Tripodi), la Chiesa-Cattedrale di Sant’Antonio e la prima e minuscola chiesa del borgo del sec. XI; in piazza Municipio v’è la tipica fontana settecentesca detta ‘U tri canali; in piazza Duomo spicca la figura neoclassica della chiesa matrice (il Duomo, appunto) al cui interno vi sono pregevoli opere d’arte dell’Ottocento e recenti vetrate artistiche policrome; i palazzi (sec. XVII-XVIII) di via del Commercio, di via Roma e lungo la Piazza dell’Incontro (pal. Maurigoffe, 1786). Per la felice posizione geografica naturale, Gioia Tauro, fu sempre sbocco di imbarco e sbarco di merci. Infatti, sono stati trovati alla foce del fiume Metauros, ancoraggi, anfore e altri utensili che testimoniano, come nel passato, fin dal periodo neolitico, esistessero rapporti commerciali con le Isole Eolie e con le coste dei paesi che si affacciavano sul Mediterraneo. gioia-tauro-vasoParecchi dei reperti si possono ammirare al Museo Cittadino, che nasce sulla base di una convenzione tra l’Amministrazione Comunale e la Soprintendenza con l’intento di illustrare, attraverso i reperti, il passato gioiese, a partire dall’età greca, quando venne organizzato il centro emporico di Metauros, per passare all’età romana sino alla fase medievale. Se vorrete fermarvi per almeno una notte vi consiglio l’area sosta “Il Noceto” che sorge proprio a pochi passi dalla cittadina, è aperta tutto l’anno e con servizio h24.

Area di sosta Il Noceto: punto strategico per la Sicilia

Se la vostra meta è la Sicilia, oppure state rientrando dalla stessa per proseguire lungo lo stivale, c’è un area di sosta che è un ottimo punto strategico, per fermarsi. Si tratta dell’area di sosta “Il Noceto” a Gioia Tauro.

Leggi tutto “Area di sosta Il Noceto: punto strategico per la Sicilia”