Baceno (VB): un angolo piccolo piccolo

All’interno del Parco Naturale Veglia e Devero nell’alto Piemonte, si trova il piccolo paese di Baceno. Un angolo nascosto dell’Italia che merita di essere visitato.

Chissà perchè le zone di confine sono sempre quelle più trascurate dal turismo di massa. Forse perchè considerate di passaggio e quindi non meritevoli di sosta. L’alto Piemonte è uno di questi e per dirla tutta forse pochi sanno che il Piemonte confina con la Svizzera e ne condivide le valli. Proprio una di queste sorge il Parco Naturale Veglia e Devero su cui sorge Baceno.  Due giorni, un weekend per disintossicarsi dallo stress e dallo smog, vivendo tre esperienze molto simpatiche e uniche.

  1. L’Antica latteria di Baceno dopo essere stata restaurata dall’Azienda Agricola Fattoriamo, riapre i battenti offrendo la possibilità di fare un tuffo nel passato a quando le tradizioni e la produzione avveniva a livello artigianale. Ve lo consiglio sia per vedere la produzione sia per mettere nello zaino formaggio e yogurt.
  2. Il treno dei bambini: originariamente nato come “campeggio” per i bambini dei lavoratori, oggi è un simpatico “villaggio” utilizzato per le ferie da parte di gruppi parrocchiali. Le vecchie carrozze ferroviarie sono state ristrutturate diventando delle “roulotte”. Per informazioni: centralino dei PP Cappuccini Domodossola, 0324 243772, fax. 0324 242870.
  3. L’ultima attività è la piacevole passeggiata lungo  il sentiero che prende avvio a lato dell’antica chiesa di San Gaudenzio, per arrivare agli Orridi di Uriezzo. Si tratta di profonde incisioni scavate nella roccia, provocate dai torrenti che un tempo scorrevano sul fondo del ghiacciaio che occupava interamente la Val Formazza. La peculiarità di questi consiste nel fatto che il torrente che li ha modellati non percorre più queste strette incisioni, così oggi è possibile camminare agevolmente al loro interno. La visita agli Orridi di Uriezzo è una tranquilla e piacevole passeggiata adatta anche alle famiglie, che permette di ammirare uno dei numerosi segni lasciati dal trascorrere del tempo durante l’ultima glaciazione, circa 14.000 anni or sono.

Per sostare in camper c’è una bella e organizzata Area Comunale, in loc. campo sportivo ed è attrezzata di tutto. Carico e scarico, energia elettrica, wifi e servizi igienici. Aperta tutto l’anno, ha un costo di 15 euro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *